domenica 8 giugno 2014

Who is the best dressed in the realm?


Alexa Chung

Alexa Chung e sotto Emma Watson





Cate Blanchett



Emma Roberts



Emily Ratajkowski, yesterday at Spike TV's Guy's Choice Awards 2014



(p.s. sta tornando di moda la "vita bassa"... dedicherò un post all'argomento con  prove inoppugnabili!)

Emmy Rossum







Jessica Chastain (a sinistra) e Cara Delevigne (a destra)







Cara Delevigne



Jessica Chastain



Laura Vandervoort



Emilia Clarke







Ariana Grande



Dakota and Elle Fanning



Tilda Swinton



Kristen Stewart





Selena Gomez



E altre grandi dive che non hanno bisogno di presentazione...





The 2014 event was once again held at the Sony Studios in Culver City, CA on June 7 and will air on Spike on June 11.

Tante donne per un unico trono: il Trono di Spade / Who will win the Game of Thrones?



Sansa Stark, Cersei Lannister, Margaery Tyrell, Arya Stark, Melisandre di Asshai o Danerys Targaryen: chi tra loro si aggiudicherà alla fine l'ambitissimo Trono di Spade?







Suits style / Harvey Specter vs Mike Ross / Windsor knot / Nodo Windsor







































Chi dei due è il più elegante: Mike, a sinistra o Harvey, a destra?



Gothian, Capitolo 3, Lady Ariellyn Vòrkidian, Contessa di Keltar-Senia e suo nipote Marvin



Ogni estate, lady Ariellyn Vorkidian, contessa di Keltar-Senia, lasciava la sua residenza presso la città lagunare di Amnisia per trascorrere i mesi caldi nell'antico maniero di campagna della sua nobile stirpe, che discendeva da Vorkidex Pendragon, l'ultimo re dei Keltar, sconfitto e ucciso mille anni prima da Arexatan Eclionner, il fondatore dell'Impero Lathear.
Con lei viveva il nipote Marvin, nato dal matrimonio della sua unica figlia, Lilieth, con un diplomatico lathear di nome Rekormas Roth.



Lilieth e Rekormas erano misteriosamente scomparsi poco dopo la nascita di Marvin, alla fine dell'anno della Primavera di Sangue.
Stavano compiendo un'importante missione diplomatica, in direzione di Lathena, quando si erano perse le loro tracce e da allora non se n'era saputo più nulla, almeno ufficialmente.
Marvin Vorkidian era quindi stato adottato dalla nonna materna, lady Ariellyn, che lo aveva cresciuto come se fosse suo figlio.



Marvin aveva trascorso i primi anni di vita nel maniero di Keltar Senia, protetto ed istruito dal druido Halfgan, che era stato per lui come un padre e che lo aveva iniziato alle conoscenze della religione celtica insieme al suo allievo Gwydion.



Dall'età di sei anni in avanti l'educazione di Marvin era stata affidata alla scuola di retorica e giurisprudenza della città di Amnisia, che all'interno della Federazione Keltar era certamente il ducato con i migliori rapporti nei confronti di coloro che formalmente detenevano ancora la sovranità suprema, e cioè i Lathear.
Ormai Marvin si era abituato alla vita cittadina e alla cultura dei Lathear, compresa la religione monoteista incentrata sul culto di Eclion, ma era sempre felice di tornare nella contea di Keltar-Senia, da Halfgan e da Gwydion, a trascorrere con loro l'estate.
Quell'anno però, che era il novecentonovantanovesimo dalla fondazione dell'Impero Lathear, la partenza di Marvin doveva essere posticipata, in quanto il diciassettenne erede dei Vorkidian doveva affrontare gli esami finali per ottenere il diploma di retore e diplomatico, che gli avrebbe permesso di trovare impiego presso la cancelleria di lord Gallrian de Bors, duca di Amnisia, che aveva collaborato con i suoi genitori e si teneva sempre informato sulle condizioni di salute del figlio dei suoi "carissimi amici".
Lady Aryellin però non si fidava del duca Gallrian, lo considerava "un ambiguo pallone gonfiato".



La città lagunare di Amnisia era sorta due millenni prima, come rifugio dei Keltar della stirpe Senia, negli isolotti della grande Laguna, dove si riparavano dalle scorrerie dei popoli confinanti.
Il popolo dei Keltar, nonostante la sudditanza all'Impero Lathear, aveva mantenuto per secoli una certa autonomia, ed anche una totale riconoscibilità
Keltar avevano capelli rossi, ramati o castano-bronzei, occhi verdi e pelle chiara, mentre i Lathear si distinguevano per i capelli neri corvini con riflessi blu, occhi molto scuri e pelle olivastra. 




Marvin era un “mezzosangue”, e per giunta orfano di entrambi i genitori. Suo padre era un Làthear e sua madre una Keltar e tale unione era cinsiderata un tabù da entrambi i popoli: per questo i nati da coppie miste venivano guardati dall’alto in basso sia dall’aristocrazia terriera dei Keltar, sia dai burocrati di etnia Lathear
Marvin era stato oggetto di scherno per il suo aspetto, considerato insolito e bizzarro: i suoi capelli erano castano scuri e i suoi occhi erano di un colore nocciola con screziature azzurre.
Marvin, pur non disprezzando l'aspetto fisico delle persone, come facevano gli intellettuali, teneva in maggiore considerazione la bellezza della natura e dell’arte, ed Amnisia era una città meravigliosa, con palazzi, chiese e mausolei costruiti e decorati con magnificenza. 
Egli amava profondamente tutta la sua terra, quel paesaggio brumoso, dai contorni sfumati, dai colori tenui. Gli piaceva andare in barca sulla Laguna e fermarsi nei capanni di pesca degli amici, sugli isolotti selvaggi a ovest di Amnisia. Così come amava camminare, in campagna, sugli argini dei canali.
Il luogo più lontano visitato da Marvin era il punto in cui aveva inizio il Delta del grande fiume Amnis. Lo aveva sempre affascinato quel luogo in cui l’enorme corso d’acqua, largo mille chilometri, si divideva dapprima nei tre bracci principali, per poi frastagliarsi ulteriormente in una miriade di rivoli che alimentavano canali e lagune a perdita d’occhio. 
                                   

La stessa laguna di Amnisia si trovava tra il ramo centrale del delta dell’Amnis e il ramo meridionale, detti rispettivamente il Mediano e il Primario. La foce del Primario era collegata col  Porto di Amnisia, che nei tempi d’oro dell’Impero Lathear aveva ospitato la Flotta Orientale, così come Lathèna, la capitale imperiale, era la sede della Flotta dell’Oceano Occidentale, dall’altra parte del Continente, molto più a sud. 
Marvin non era mai sceso più a sud delle antiche mura che da mille anni separavano lo stato meridionale Lathear dai regni “barbari” del centro-nord, conquistati dal primo Imperatore, Arexàtan Eclionner, il fondatore della sacra dinastia.  
Dopo quasi mille anni e cinquanta generazioni, era ancora molto importante, per un membro della Dinastia, poter vantare un aspetto simile a quello di Arexatan Eclionner, perché egli non solo era stato il primo Imperatore, ma era ancora venerato dai preti della Chiesa Lathearica come il Messia, figlio del dio Eclion, il Sole. 
La natura semidivina di Arexatan era un dogma indiscutibile, che però aveva poco valore e nelle campagne dei villaggi Keltar.
Lady Ariellyn Vorkidian, preferiva il cuto politeista dei Keltar, che veneravano liberamente gli Dei della Natura. Non a caso aveva scelto come primo precettore per il nipote il druido Halfgan, che viveva nel Borgo Keltar-Senia. 


Marvin ricordava con nostalgia le bellissime estati trascorse con Halfgan a studiare la natura e le sue leggi, e a imparare le antiche storie dei Keltar, le leggende e i canti in lingua Keltàri Antico, accompagnato dalla musica dell’arpa, del liuto, dell’armonica e della cornamusa. La lingua Keltari era ormai diventata un dialetto parlato solo nelle campagne. Il Latheari si era imposto come lingua ufficiale.
Ariellin e Halfgan parlavano benissimo sia il Latheari che il Keltari, e avevano insegnato a Marvin a parlare e scrivere correttamente entrambe le lingue. Erano stati i suoi primi educatori, e di fatto gli avevano da madre e da padre, dopo che era rimasto orfano. 
Non aveva ricordi precisi dei genitori: erano scomparsi quando lui non aveva solo un anno. Tutto ciò che sapeva di loro gli era stato raccontato da Ariellin: in quanto diplomatici del Ducato, dovevano portare notizie molto segrete a Lathena. Erano partiti il giorno seguente alla Battaglia di Elenna sul Dhain, nell'anno della Primavera di Sangue, e non erano più tornati. Nessuno aveva più avuto alcuna notizia di loro, e molto probabilmente erano morti, anche se Marvin si rifiutava di accettare quell'idea.
Sua madre Lilieth si era fatta fare un ritratto, prima di partire:


La corona che portava era appartenuta a Vorkidex, il suo reale antenato, l'ultimo sovrano di tutti i Keltar, mille anni prima. I bardi ancora narravano il suo duello con Arexatan Eclionner: in quel duello, Vorkidex aveva perso la battaglia, la guerra, la corona e la vita. Da allora era incominciata la sudditanza dei Keltar all'Impero Lathear, fino a che, dopo la vittoria di Elenna sul Dhain, si erano resi indipendenti creando la Federazione Keltar, un'alleanza di tutti i ducati, con a capo l'Arciduca di Floriana, la capitale della Federazione, al centro della pianura amnisiana.
Dopo la morte di Vorkidex Pendragon, suo figlio Kevin Vorkidian aveva tenuto in custodia  la corona, ma aveva dovuto giurare sul suo dio Belenos lo Splendent eche la famiglia reale non avrebbe mai più rivendicato il trono.



 Il Giuramento di Kevin, così era stato chiamato, aveva permesso ai Keltar un piccolo margine di autonomia per più di novecentottanta anni.
Ma qualcosa era successo, diciassette anni prima, qualcosa che aveva portato i Keltar ad allearsi con gli Alfar per sconfiggere i Lathear.
 I druidi dicevano che il giuramento era valido solo per cinquanta generazioni e che la cinquantesima era nata l'anno prima, con Marvin, per i Keltar, e con Elner XI, per i Lathear. Da quel momento, il Giuramento aveva perso valore.
L'Arcidruido di Floriana aveva in custidia l'unica copia sopravvissuta del Giuramento di Kevin, l'unico documento, secondo le leggende, di un più ampio accordo che sarebbe stato siglato tra Wechtigar I il Pio, figlio di Arexatan Eclionner e Kevin Vorkidian, figlio di Vorkidex, alla presenza dei rispettivi dei: Eclion e Belenos. 
Tra le due divinità vi era grande discordia, tanto che per i Keltar era Belenos il dio del Sole, mentre Eclion era considerato il Signore delle Tenebre.
 Secondo alcuni druidi, nel momento della stipulazione dell'Antico Patto, sarebbero stati presenti come garanti dell'accordo anche il dio del fuoco Atar, la dea della luce Aenor  e il dio dei ghiacci perenni Gotharcon i loro rispettivi sacerdoti e altri personaggi leggendari, come la sesta moglie di Arexatan, cacciata dai figli delle mogli precedenti dopo la morte del grande imperatore. O meglio, la sua "assunzione in Cielo".
I sacerdoti ortodossi del Clero Lathear smentivano questo accordo: Eclion era l'unico Dio, gli altri erano demoni, contro i quali gli esorcisti della Grande Canonica lottavano da un millennio, per quanto corresse voce che i Canonici stessi fossero adoratori dei demoni e in odore di eresia.
Marvin considerava quelle leggende come favole interessanti, ma nulla di più, e sua nonna Ariellyn, con l'appoggio del druido Halfgan, avevano sostenuto quella convinzione, dicendo che era meglio per suo nipote non perdere tempo con le superstizioni.
E se non fossero solo favole e superstizioni?