sabato 14 maggio 2016

Spoiler: Game of Thrones leaked Plot of next episode (GoT 6x04)

Ultima teoria di Game of Thrones: Meera Reed e Jon Snow potrebbero essere gemelli

Sarebbero entrambi figli di Lyanna Stark e Rhaegar Targaryen, nati alla Torre della Gioia.
Lyanna, in punto di morte, avrebbe fatto promettere a Ned Stark e ad Howland Reed, gli unici sopravvissuti alla battaglia, di prendersi cura dei gemelli e di separarli, in modo da garantire loro un sicuro anonimato, un po' come Luke e Leia Skywalker.

Howland Reed avrebbe quindi adottato Meera, la quale ancora non è a conoscenza della verità, ma potrebbe esserlo ben presto, trovandosi insieme a Bran e al vecchio Brynden Rivers Targaryen, Occhio di Corvo, detto anche il Corvo a Tre Occhi.

Lista dei cibi a basso indice glicemico


  • Avocado (very high in fat, so I’m including it here)
  • Avocado oil
  • Almond oil
  • Beef tallow, preferably from grass fed cattle
  • Butter: try to find organic sources
  • Chicken fat, organic
  • Duck fat, organic
  • Ghee (butter with milk solids removed)
  • Lard such as organic leaf lard (make sure it is NOT hydrogenated)
  • Macadamia Nuts
  • Macadamia oil
  • Mayonnaise (most have carbs, so count them. Duke’s brand is sugar free.)
  • Olives
  • Olive oil, organic
  • Organic coconut oil, coconut butter and coconut cream concentrate
  • Organic Red Palm oil
  • Peanut Butter: make sure to use unsweetened products, and limit due to Omega 6 content.
  • Seed and most nut oils: Sesame oil, Flaxseed oil, etc. These are higher in inflammatory Omega 6 fats, so limit amounts, and don’t heat them.
  • 85-90% dark chocolate can be used in small amounts, or use Chocoperfection low carb chocolate.
Sources of Protein
Fattier cuts of meat are better because they contain less protein and well, more fat. Choose organic or grass fed animal foods and organic eggs if possible to minimize bacteria, antibiotic and steroid hormone intake. Websites such as or can point you to local sources of clean, grass fed meats and poultry. These clean proteins are the best choices for a low carb food list.
  • Meat: beef, lamb, veal, goat and wild game. Grass fed meat is preferred, as it has a better fatty acid profile.
  • Pork: pork loin, Boston butt, pork chops, ham.  Look out for added sugar in hams.
  • Poultry: chicken, turkey, quail, Cornish hen, duck, goose, pheasant.  Free range is better if it’s available.
  • Fish or seafood of any kind, preferably wild caught: anchovies, calamari, catfish, cod, flounder, halibut, herring, mackerel, mahi-mahi, salmon, sardines, scrod, sole, snapper, trout, and tuna.
  • Canned tuna and salmon are acceptable but check the labels for added sugars or fillers. (Exception: Avoid breaded and fried seafood.)
  • Shellfish: clams, crab, lobster, scallops, shrimp, squid, mussels, and oysters. (Exception: imitation crab meat. It contains sugar, gluten and other additives.)
  • Whole eggs: These can be prepared in various ways: deviled, fried, hard-boiled, omelets, poached, scrambled, and soft-boiled.
  • Bacon and sausage: check labels and avoid those cured with sugar or which contain fillers such as soy or wheat.  Specialty health food stores carry most brands of sugar-free bacon.
  • Peanut butter and soy products such as tempeh, tofu and edamame are good sources of protein, but they are higher in carbohydrate, so track them carefully.
  • Whey protein powders, plus rice, pea, hemp or other vegetable protein powders. Be aware that whey protein is insulinogenic (meaning it causes an insulin spike) in the body, so if you having trouble losing weight or getting into ketosis, limit amounts or avoid whey.
Fresh Vegetables
Most non-starchy vegetables are low in carbs. Choose organic vegetables or grow your own to avoid pesticide residues. Avoid the starchy vegetables such as corn, peas, potatoes, sweet potatoes, and most winter squash as they are much higher in carbs. Limit sweeter vegetables such as tomatoes, carrots, peppers, and summer squashes. This list is by no means comprehensive, so if there is a green vegetable you like that is not on this low carb food list, feel free to include it.
  • Alfalfa Sprouts
  • Any leafy green vegetable
  • Asparagus
  • Avocado
  • Bamboo Shoots
  • Bean Sprouts
  • Beet Greens
  • Bell peppers*
  • Bok choy
  • Broccoli
  • Brussels sprouts
  • Cabbage
  • Carrots*
  • Cauliflower
  • Celery
  • Celery root
  • Chard
  • Chives
  • Collard greens
  • Cucumbers
  • Dandelion greens
  • Dill pickles
  • Garlic
  • Kale
  • Leeks
  • Lettuces and salad greens (arugula,  Boston lettuce, chicory, endive, escarole, fennel, mache, radicchio, romaine, sorrel.)
  • Mushrooms
  • Olives
  • Onions*
  • Radishes
  • Sauerkraut (watch for added sugar)
  • Scallions
  • Shallots
  • Snow Peas
  • Spinach
  • Sprouts
  • Summer squash*
  • Swiss chard
  • Tomatoes*
  • Turnips
  • Water chestnuts
* Limit amounts of these vegetables, as they are higher in carbs.
Raw milk products are preferable; choose organic if raw products are not available. Be aware that dairy proteins (whey and casein) are insulinogenic (meaning they cause an insulin spike) in the body, so if you having trouble losing weight or getting into ketosis, limit amounts or avoid. I also try to avoid products that have added whey protein because whey adds to the insulin spike.
  • Heavy whipping cream
  • Full fat sour cream (check labels for additives and fillers. Look for brands such as Daisy which are pure cream with no added milk; carbs and protein will be low.)
  • Full fat cottage cheese
  • All hard and soft cheeses: (count each 1 ounce portion as 1 carb generally)
  • Cream cheese (count each 1 ounce portion as 1 carb generally)
  • Unsweetened whole milk yogurt (limit amounts as it is a little higher in carb) (Fage full fat Greek yogurt is divine)
  • Mascarpone cheese

Nuts and seeds are best soaked and roasted to remove anti-nutrients. They are also very high in calories and higher in carbs per serving.  It’s very easy to eat a handful of nuts and not realize how much carb is included.  If you are having trouble getting into ketosis or losing weight, reduce or avoid nuts.
  • Nuts: macadamias, pecans, almonds and walnuts are the lowest in net carbs and can be eaten in small amounts. Cashews, pistachios and chestnuts are higher in carb, so track carefully to avoid going over carb limits.
  • Nut flours, such as almond flour. I include this because a low carb food list shouldn’t completely exclude baking. Almond flour is a great flour substitute. See my recipe page for ideas on how to use it with the foods on this low carb food list.
  • Peanuts are actually legumes and are higher in protein and are also high in Omega 6 fats, so limit amounts and include protein grams in daily totals.
  • Seeds (pumpkin, sunflower, sesame, etc.. ) are also very high in Omega 6 fats, limit amounts.
  • Most nuts are high in Omega 6 fats, which increase inflammation in the body, so don’t rely on nuts as your main protein source. I have found that eating too many nuts over several days makes me feel stiff and sore and ruins my mood.  I attribute this to the Omega 6 fats.  Your mileage may vary.
  • Clear broth, bone broth
  • Decaf coffee (caffeine can drive up blood sugar)
  • Decaf tea (unsweetened)
  • Herbal tea (unsweetened)
  • Water
  • Flavored seltzer water (unsweetened)
  • Lemon and lime juice in small amounts
  • Almond milk (unsweetened)
  • Coconut milk (unsweetened, can or carton)
  • Soy milk (unsweetened, count protein grams as well)
Avoiding sweetened foods in general will help “reset” the taste buds. However, if there is a desire for something sweet, these are the recommended choices for sweeteners. Note that the powdered forms of most artificial sweeteners usually have maltodextrin, dextrose or some other sugar added, so liquid products are preferred.
  • Stevia, liquid preferred as the powdered usually has maltodextrin in it.
  • Erythritol
  • Xylitol (keep any food with this sweetener in it away from dogs)
  • Splenda*, liquid preferred as the powdered usually has maltodextrin in it.
  • Lo Han Guo
  • Monk Fruit
  • Inulin and Chicory Root (Just Like Sugar brand)
*Some readers have objected to my recommending Splenda. If you have concerns about this, please note that I have done research in the medical literature and I have looked at the studies which have been offered on sucralose (Splenda).
I have yet to find a gold standard, clinically controlled human study which shows conclusively that sucralose causes human health issues. I don’t like to propagate misinformation so I wait until there are definitive studies of negative effects before I condemn a product. In my opinion, eating sugar, honey and other nutritive sweeteners has negative blood sugar effects which far surpass those which might be associated with using a small amount of Splenda, or any other non-nutritive sweetener.
Having said that, I will also say that I offer information on this low carb food list about Splenda, just as I do on the other sugar substitutes, because everyone is different. Some people are not bothered by Splenda, while others are. It’s the same for sugar alcohols and other sweeteners such as insulin and chicory root. I try to offer both pros and cons for each sweetener, with the idea that readers will use the product that suits them best. See my artificial sweeteners page for more information.
  • Berries (blueberries, strawberries, raspberries) can be enjoyed occasionally in small amounts, as they are the lowest in carbohydrate. Avoid other types of fruit as most are too high in carb and can interfere with ketosis.
  • Japanese Shirataki noodles
  • Pork Rinds (these are great with dip, or as a substitute for bread crumbs, but note they are also high in protein, so limit amounts)
Spices do have carbs, so be sure to count them if they are added to meals made using this low carb food list. Commercial spice mixes like steak seasoning usually have added sugar. Sea salt is preferred over commercial salt, which is usually cut with some form of powdered dextrose.
Cookbooks with Low Carb Food Lists
These are great resources for how to prepare the items on this low carb food list.
  • 500 Low-Carb Recipes: 500 Recipes from Snacks to Dessert, That the Whole Family Will Loveby Dana Carpender. This is out of print, but Amazon has links to different sellers.
  • 200 Low-Carb Slow Cooker Recipes: Healthy Dinners That Are Ready When You Are! by Dana Carpender
  • 300 15-Minute Low-Carb Recipes: Hundreds of Delicious Meals That Let You Live Your Low-Carb Lifestyle and Never Look Back by Dana Carpender
  • The Low-Carb Barbecue Book : Over 200 Recipes for the Grill and Picnic Table by Dana Carpender
  • Eating Stella Style: Low-Carb Recipes for Healthy Living by George Stella and Christian Stella
  • George Stella’s Livin’ Low Carb: Family Recipes Stella Style by George Stella and Cory Williamson
  • Your favorite cookbook – Most whole food, main meal recipes which include the foods on this low carb food list can be adapted to a low carb, ketogenic version.

Il significato dei colori

Tipologie di jeans da donna e loro nomi


The Writers | MARCH 18, 2015


Are we what we wear? Nah. Not in the present tense, at least. They might reflect who we want to be, tell the stories we’re not quite willing to, but at the bottom line, we are who we are. Point blank. Jeans are a different animal, though, they tell a great deal about who we were. Consider them a series of bench marks, a marker similar to the photo album perched between War and Peace and Sheryl Sandberg’s Lean In on your book shelf that possibly retains the memories you didn’t care to remember yourself. Sometimes they’re funny, sometimes they’re tragic, often they don’t make it past the five year mark but fundamentally and definitively they are always an iteration of you. So what does that say, right?

Boot Cut

Picture, for a moment, your year-2000-self. You danced to “Toxic.” You watched The O.C. You were 99% angel and layered your polos. You lived for the sound of your crush signing online. Your jeans, meanwhile, hung aggressively low, but so long as you weren’t getting detention, you didn’t care. The part below your knee flared out just enough so that it could hang down over your Rainbows and onto the ground, and you naively assumed this style would never fade out…


“There’s no way,” you said to yourself. “No way I’m trying jeans that suction-cup to my ankles. My legs will look fat, guaranteed.” For years your calves had room to breathe, until suddenly, the trend bended skinny.

But then the skinny jeans grew on you. You bought a pair from Old Navy as your starter pack. They looked “cute” with sweatshirts, and flats, and party tops, and flip flops. They made you look a little more polished. From there the addiction grew — All pants must appear painted! — and before you knew it you relied on old faithful like a crutch.

The Editor

College skinny jean transitioned into post-graduate cool with a color change (black) and fabric (waxed), and for the Francophiles, a lower waistband. Emmanuelle Alt was the immediate inspiration. You wore them to creative job interviews, dates and to “go out.”

These jeans lived, however, during the birth of the “boyfriend,” and for the first time in a long time two denim silhouettes shared your closet’s spotlight. Both styles were leg tested, editor approved and looked good with your one-paycheck-per-foot pumps.


Those boyfriend jeans were like a gateway drug. You started craving nonconformity and refused to be boxed in. No longer were jeans about looking sexy for you. Instead, they became a game of sartorial birth control. Why cover up one private part when — with the clasp of a shoulder strap — you could cover them all? Perhaps you also read a certain book.

Cut Offs

…But everyone knows that if you give a mouse a pair of overalls, she’s going to want to go to Glastonbury, which will remind her of that one time at Coachella. It was there in the California desert that you had your epiphany: nothing says music festival and youth like high waisted cut offs with fringe at the thighs.

You later learned that cut offs more-than-proved their worth in urban areas, too, where transportation does not include shoulder riding. Instead of a crop top, you wore a striped shirt, and instead of combat boots: a pair of flats. Your Alexa Chung phase commenced, and it’s possible you never looked back.

Super High

…Though chances are, you gave in to normcore. The shorts above were just the beginning of your ’80s resurgence: super high waisted mom jeans proudly declared that you gave zero fucks about your ass, and also, perhaps, that you were a victim of childhood wedgies. But they also opened you into a world of Saint Laurent’s practically-sprayed-on take of the the aforementioned college skinny.

Lady Cropped

If you remained a skinny jean loyalist but considered yourself a Charlotte (as opposed to a Carrie), the cropped ankle look provided that ladylike Audrey Hepburn effect.


And then, the 90s-redux set in. Your jeans looked incomplete without a little bit of grunge. You retained that post-Abercrombie complex bestowed upon you via your parents (“You could buy the same pair of jeans for 20 bucks, you know. Try doing a little yard work — it’ll rip your jeans for free.”) and yet you boldly maintained that you were in your artist phase. For about three months, you wore a plaid shirt around your waist like it was a fanny pack and you? A Disneyland dad.


…But then it hit: the 70s. As a short girl eternally in search of a longer leg, you got down on your knees and thanked the platform gods. (Then you re-watched That 70s Show and secretly compared your butt to Kelso’s.)

The Cropped High Waist Flare Leg Combo Platter

Or, for those born tall/anyone in-the-know at all, denim’s pièce de résistance currently resides in the form of a sartorial portmanteau (shout out to the style of Marcia Brady) whereupon the jeans are not only flared, but also cropped. The waist, high. The morale, higher; and you at your current stage-of-life, debating whether or not you’ll try out that whole Brooke Shields thing come spring while you silently pray the boot cut of year 2000 — still hanging between Lady Cropped and The Editor — has a fashion-adapted comeback. If only for the thrill of the memory.

I 25 antidolorifici naturali

Vediamo adesso una lista di ben 10 antidolorifici naturali che ci vengono in aiuto quando il dolore si fa più intenso e vogliamo ricorrere a ciò che ci offre la natura.

1. Artiglio del Diavolo
L’artiglio del diavolo è una pianta tipica dell’Africa del Sud, nota con questo nome per la particolare forma a uncino delle sue estremità. Le proprietà antinfiammatorie erano note anche ai popoli africani che usavano la radice della pianta per curare dolori e infiammazioni.

L’artiglio del diavolo è efficace contro i fastidi provocati da malattie reumatiche, dai crampi mestruali, dal mal di schiena e da dolori intestinali. L’estratto di artiglio del diavolo va assunto per via orale, e la dose consigliata oscilla tra i 600 e i 1200 mg al giorno, massimo per due settimane. In commercio si trova anche la crema all’artiglio del diavolo.

Tuttavia, l’assunzione di tale estratto è sconsigliata durante la gravidanza, o se si soffre di ulcere o gastriti. Se si stanno assumendo farmaci, inoltre, è bene chiedere prima consiglio al medico di fiducia per evitare l’insorgere di effetti collaterali.

2. Curcuma
La curcuma è una spezia originaria dell’India nota –oltre che per l’uso in cucina- per le proprietà che la rendono uno degli antidolorifici naturali più efficaci. Inoltre è un ottimo cicatrizzante che -se applicato su ferite o scottature- dona immediato sollievo, velocizzando inoltre il processo di guarigione.

Per approfittare delle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti della curcuma è sufficiente utilizzarne due cucchiaini al giorno per condire gli alimenti. La curcuma è utilizzata anche per preparare il famoso Golden Milk.

Leggi anche: Latte d’Oro: Ricetta del Golden Milk e tutti i suoi Benefici

3. Chiodi di Garofano

I chiodi di garofano sono alleati importanti per combattere il mal di denti, la nausea e l’indigestione. Il loro potere curativo e antinfiammatorio può essere sfruttato mediante la preparazione di infusi o tisane.

Per lenire il dolore causato dal mal di denti, invece, si dovrebbe ricorrere ai gargarismi utilizzando una mistura di acqua ed essenza di chiodi di garofano. Si possono acquistare questi preziosi antidolorifici naturali sia nei supermercati che nelle erboristerie ma anche online.

4. Aglio
L’aglio ha origini asiatiche, ma da molto tempo è diffuso quasi ovunque: era già conosciuto nell’antico Egitto e le autorità egiziane lo fornivano agli schiavi per mantenerli in salute.

Probabilmente lo usiamo quotidianamente in cucina, ma non conosciamo i benefici che apporta al nostro organismo: l’aglio è un ottimo anticoagulante e aiuta a prevenire l’ipertensione, favorendo la vasodilatazione.

È un potente antibiotico naturale che aiuta a contrastare virus e batteri, aiutando a prevenire infiammazioni ed infezioni. Può essere utilizzato anche per lenire il dolore ai denti o alle gengive: basta pelarlo, schiacciarlo con una forchetta e applicarlo sulla parte interessata.

Importante: è sconsigliata l’assunzione di aglio durante l’allattamento, perché altera il sapore del latte.

Leggi anche: 17 Rimedi all’Aglio: un Solo Alimento, Tanti Benefici

5. Salice Bianco
Il salice bianco è un magnifico albero diffuso in tutta l’Europa del sud. L’acido salicilico, che deriva proprio da quest’albero, è uno degli elementi costitutivi dell’aspirina. L’albero rientra nella lista degli antidolorifici naturali in quanto la corteccia ha proprietà analgesiche e antispasmodiche che possono agire quando assunte grazie ad un infuso.

L’infuso va preparato con due cucchiaini di corteccia di un salice di almeno 2-3 anni in 200 ml di acqua bollente, e può essere assunta 2-3 volte al giorno. L’infuso è utile per contrastare anche cefalee,  vampate di calore e –in generale- per lenire i fastidi provocati dall’eccessiva umidità ( prova anche a tenere in casa una bella lampada di sale).

Leggi anche: Salice Bianco: l’Aspirina Naturale per Eccellenza

6. Peperoncino

Il peperoncino è una bacca che trae il suo nome dall’omonima pianta. Il peperoncino contiene capsaicina, sostanza che –oltre a dare il noto sapore piccante alla bacca- ha proprietà antiossidanti, vasodilatatorie e analgesiche: tale molecola si trova infatti nelle pomate per il mal di schiena.

La capsaicina è in grado di fermare l’emissione della sostanza – detta “Sostanza P”- che segnala, al cervello, il dolore. L’assunzione di peperoncino favorisce inoltre la digestione. Ovviamente è importante non abusarne, se non si vuole incorrere in rischi per la salute.

7. Zenzero
Da una ricerca dell’Università di Copenhagen è emerso come lo zenzero sia un antidolorifico e un antinfiammatorio naturale più efficace del cortisone, con cui ne condivide i pregi e non i difetti, ovvero gli eventuali effetti collaterali.

La radice di zenzero può essere mangiata (in piccole dosi) o utilizzata per infusi e tisane che aiutano la digestione, leniscono i fastidi del mal di gola e della tosse e calmano le nausee. Impacchi caldi di zenzero, inoltre, sono utili per contrastare dolori muscolari, dolori reumatici e ustioni.

È importante, comunque, non esagerare con l’assunzione di questa sostanza, soprattutto se si offre di ulcera o gastrite. Lo zenzero si trova sotto forma sia di radice fresca che di polvere.

Leggi anche: Come fare la Tisana Zenzero e Limone

8. Bromelina
La bromelina è una sostanza estratta dal gambo dell’ananas che contiene proprietà antibiotiche, antiedematose, antinfiammatorie e antidolorifiche: è infatti efficace verso ustioni e ferite. È utile anche per combattere la cellulite e la ritenzione idrica.

La bromelina si trova in capsule o polveri, e se ne consiglia l’assunzione di 80 mg per tre volte al giorno. Tale sostanza non comporta effetti collaterali, ma in ogni caso va assunta senza esagerare e va evitata se si soffre di allergia all’ananas.

Il gambo di ananas si trova anche sotto forma di integratore. Grazie alle sue proprietà la bromelina è un’ottima alternativa naturale al cortisone.

Leggi anche: Cortisone Naturale: 5 Alternative al Cortisone

9. Mirtilli

I mirtilli sono piccoli arbusti che crescono prevalentemente in montagna, e ve ne sono tre varianti: il mirtillo rosso, quello nero e quello blu. I mirtilli hanno proprietà antiossidanti, aiutano a rallentare il processo di invecchiamento e permettono di prevenire patologie al sistema cardiovascolare.

Sono, inoltre, portatori di proprietà diuretiche, astringenti e rinfrescanti. È bene, dunque, aggiungere i mirtilli alla propria dieta, per apportare innumerevoli benefici all’organismo. Il modo migliore per godere di tutte le sue proprietà è quello di berlo sotto forma di succo.

10. Ciliegie
Le ciliegie, oltre ad essere un frutto saporito, sono degli ottimi antidolorifici naturali e contengono proprietà antiossidanti, diuretiche e antinfiammatorie. Uno studio condotto dal Western Human Nutrition Research Center dimostra inoltre che assumere ciliegie aiuta a proteggere il buon funzionamento del cuore e del sistema cardiocircolatorio.

Le ciliegie, inoltre, contrastano l’ipertensione e sono ipocaloriche, e sono dunque consigliatissime per chi sta seguendo una dieta.

Alimenti che stimolano la sintesi di collagene

Il collagene è una proteina fibrosa necessaria per la salute del tessuto connettivo umano. È presente in quasi tutti gli organi del corpo, compresi pelle, tendini, legamenti, cartilagini, e ossa. Il collagene lavora insieme all'elastina, un'altra proteina strutturale, per mantenere l'elasticità del tessuto connettivo, e quindi anche della pelle. La sintesi del collagene dipende principalmente dalla quantità di aminoacidi introdotti con l'alimentazione. In particolare, alimenti ricchi di lisina, prolina, e nutrienti come la vitamina C favoriscono la produzione di collagene.

Alimenti ricchi di collagene

Dato che il collagene è alla base della costruzione del tessuto connettivo degli esseri viventi, va da sé che le fonti alimentari ricche di tale proteina sono soprattutto quelle di origine animale, in particolare carne e pesce. La carne contiene più collagene rispetto al pesce poiché ha una maggiore quantità di tessuto connettivo.

Il collagene, da un punto di vista nutrizionale, è composto principalmente da glicina, prolina e idrossiprolina. I primi due amminoacidi si trovano in alimenti quali formaggi, alga spirulina, uova, lievito di birra, e ovviamente carne e pesce; mentre il terzo si trova soprattutto nelle carni. Naturalmente, se si mangiano alimenti ricchi di collagene, dopo che questo viene digerito e suddiviso nei singoli aminoacidi che lo costituiscono, avviene una sua risintesi all'interno dell'organismo umano.

Alimenti ricchi di vitamina C

Il corpo utilizza la vitamina C per la produzione di collagene ed elastina. La vitamina C è un antiossidante naturale necessario per sostenere il sistema immunitario, contrastare i radicali liberi e ridurre le ossidazioni nel corpo. Basta consumare circa 75-90 milligrammi di vitamina C al giorno per favorire nel migliore dei modi la sintesi di collagene. Quindi, si possono mangiare regolarmente innanzitutto frutta e verdura di stagione, scegliendo una varietà di vegetali che includono peperoni, cavoli, rucola, bietola, lattuga, patate dolci, pomodori, kiwi, fragole, agrumi, mango, papaia, e altri alimenti ricchi di vitamina C.

Alimenti ricchi di lisina

La lisina è un aminoacido essenziale che il corpo non può produrre da sé. Deve quindi necessariamente essere introdotto tramite l'alimentazione. Questo amminoacido è fondamentale per la sintesi del collagene, e lo si può trovare in carni, formaggi, uova, alga spirulina, legumi come ceci, fagioli, piselli, fave, lenticchie, soia, e frutta secca.

Alimenti ricchi di manganese

Secondo la Oregon State University, il corpo ha bisogno di buone quantità di manganese per aumentare la produzione di collagene ed elastina, soprattutto per favorire la guarigione di ferite. Il fabbisogno minimo di manganese per le persone adulte è davvero basso, meno di 1 mg al giorno, ma si consiglia di assumerne comunque tra l'1 e i 9 mg al giorno. Per aumentare l'apporto di manganese si possono mangiare cereali integrali, frutta secca, verdure a foglia verde, cacao puro o cioccolato fondente almeno al 75%, e bere tè.

Alimenti ricchi di rame

Il rame, come il manganese, è un altro minerale essenziale per la produzione di collagene ed elastina. Si trova in una grande varietà di alimenti, anche se con maggiore concentrazione in carni, fegato ovino e bovino, alga spirulina, cioccolato fondente puro, frutta secca, semi, cereali integrali, legumi, e fieno greco. Per mantenere buona la produzione di collagene ed elastina sono sufficienti 0,9 mg di rame al giorno, quindi potrebbe bastare anche solo una tazza di cereali integrali e una manciata di frutta secca.

Ricordiamo che gli alimenti ricchi di collagene e i cibi che ne favoriscono la sintesi devono necessariamente fare parte di una dieta sana ed equilibrata.



Acido ialuronico
Omega 3 e 6 (olio di pesce e olio di borragine)

Cibi che fanno bene alla pelle

Tè verde

Gli alimenti che contengono collagene per la pelle

Qual è il segreto per una pelle giovane? Il collagene. Questa proteina forma il tessuto connettivo che fornisce il supporto e la compattezza ai tessuti del corpo, in particolare alla pelle. Come l’età rallenta la produzione di collagene, con conseguente minore fermezza della pelle. Ridurre la degradazione del collagene e aumentarne l’offerta è la chiave per la riduzione delle rughe. Oltre a utilizzare creme viso anti-rughe, una dieta ricca di cibi contenenti collagene può aiutare.
Il collagene dona alla pelle una consistenza morbida ed elastica. Ci sono altri fattori oltre all’età che possono ritardare la produzione di collagene: il fumo e l’esposizione al sole sono i peggiori colpevoli. Poiché il collagene è troppo denso per essere assorbito dalla pelle con le creme a meno che non subisca una profonda ristrutturazione chimico, la cosa migliore è mangiare molti alimenti che promuovono la produzione di questa importante proteina. Inserendo alcuni alimenti nella dieta si può aumentare la produzione di collagene e riacquistare un aspetto giovanile della pelle.
Diversi tipi di cibo possono aiutare ad aumentare la produzione di collagene. I prodotti a base di soia, verdure a foglia scura, fagioli, frutta rossa e verdura, alimenti ricchi di vitamina C, prugne, acidi omega, semi di lino, tacchino, cioccolato fondente, rosa canina e olio di avocado possono contribuire a promuovere la produzione di collagene.
Per fortuna, tutti questi cibi fanno parte di una dieta sana con pochi grassi (anche il cioccolato) e possono essere incorporati in ogni pasto o spuntino che si mangia. Divertiti con la prima colazione, prepara una grande insalata con pezzetti di tacchino e avocado per pranzo e pesce ricco di omega3 per la cena, snack al cioccolato fondente con un contenuto di cacao del 65% o superiore e prendi integratori contenenti rosa canina.
Tutti questi cibi contengono collagene e aumentano la produzione di genisteina, luteina, acido ialuronico, licopene, antiossidanti, carnosina e steroidi vegetali. Queste sostanze chimiche naturali sostengono il processo di rinnovamento della pelle, ringiovaniscono la pelle danneggiata dai radicali liberi e creano un ambiente ospitale per la produzione di collagene.
I cibi a base di soia, come il latte di soia, il formaggio di soia, il tofu e l’edamame possono aiutare a bloccare gli enzimi che degradano la pelle con l’età. Le verdure a foglia verde, come spinaci e cavoli aiutano l’idratazione della pelle e le danno elasticità. I fagioli aiutano il corpo a produrre un potente agente anti invecchiamento, l’acido ialuronico, e il licopene dei frutti rossi e della verdura è un potente antiossidante.
Ci sono molte costose creme anti-rughe sul mercato contenenti collagene. Purtroppo, non ci sono prove tali trattamenti facciano nulla per aumentare i livelli di collagene nella pelle. In effetti, la composizione chimica del collagene lo rende troppo grande per essere assorbito nella pelle dopo un’applicazione topica. Tali prodotti possono essere idratanti adeguati, ma per stimolare la produzione di collagene si dovrebbe lavorare dal di dentro, cominciando con la dieta.
Gli alimenti di cui sopra fanno un doppio lavoro per mantenere il corpo sano e la pelle giovane. Per rendere questi alimenti ancora più efficaci, non fumare, indossa sempre la protezione solare, usa una crema viso idratante di qualità e segui una dieta sana.

Vite in prestito. Capitolo 4. La decadenza dei Conti Orsini Balducci di Casemurate

Dal matrimonio del Conte Armando Orsini Balducci di Casemurate (1880 - 1962) con la contessina Emilia Paulucci de Calboli (1888 - 1986) nacquero sei figli:
Eugenio (1905-1916) morto precocemente per una meningite;
Diana (1907-2011) unica sopravvissuta ai genitori, nonché mia nonna materna;
Attilio (1909 - 1945), morto in un incidente motociclistico;
Giovanna (1911 - 1919) morta di febbre spagnola;
Anita (1913 -1945) morta in una ritorsione partigiana contro il marito fascista
Maria Grazia (1915 - 1943) morta suicida
Oltre alla morte di cinque dei loro sei figli, i Conti Orsini Balducci di Casemurate dovettero affrontare due guerre mondiali e una serie continua di rovesci economici, dovuti a sfortunati investimenti, che ridussero la dinastia titolare del feudo della Contea di Casemurate  sull'orlo della bancarotta.
L'unico modo per evitare la catastrofe era fare in modo di imparentarsi, tramite matrimonio dei figli e delle figlie, con qualche famiglia ricca.
Purtroppo non furono in molti a farsi avanti, considerando l'enormità del debito.
Il matrimonio che salvò la baracca fu quello tra mia nonna Diana e mio nonno Cristoforo, nell'anno di nostro Signore 1932.
Non fu propriamente un matrimonio d'amore, e questo ebbe delle conseguenze enormi sulla vita di ogni componente della famiglia di mia nonna e di mia madre, ma di questo parlerò in seguito.

Gli Emirati Britannici Uniti